La Befana 2006


13° edizione

5 gennaio 2006


Vincitrice


LA NOTTE DELLA BEFANA

Nera notte, soffia il vento
il suo fiato raggelato,
ogni bimbo sta contento
nel suo letto rannicchiato

Tutti i bimbi tra i coltroni
van sognando chicche e doni!

Uno scalpiccio leggero
suona tra le pietre e i sassi,
chi è quell' ombra sul sentiero
che procede a lenti passi ?
Tutti i bimbi tra i coltroni
van sognando chicche e doni!

Una stella birichina
sta sbirciando di lontano:
Ma chi è mai quella vecchina
che dal monte scende al piano?
Tutti i bimbi tra i coltroni
van sognando chicche e doni!

Bene avvolta nello scialle
curva avanza a capo chino,
una gerla sulle spalle
ed un' altra sul ciuchino.

Tutti i bimbi tra i coltroni
van sognando chicche e doni!

Misteriosa notte arcana,
dal paese dei balocchi
è tornata la Befana
a portar doni ai marmocchi!
Chicche e doni a quelli buoni,
ma alle "birbe" ...bei carboni!
di Gioia Guarducci- Firenze
Musica di Gabriele Cinquini
 
 

C'ERA 'NA BEFANA S' UN CAVALLO ...

"...per la straordinaria capacità di raccontare una storia antica e magica come quella della Befana"
 
 
M'ariordo da piccino,
feci propio 'n sogno strano.
Mentre 'r foo ner camino
scrocchiolava piano piano.

M' ariordo de la notte
era tutta 'n firmamento.
Der vin litri 'n de la botte
che dell' uva è 'r gran fermento.

Era propio tutto lustro
la 'cucin e anco 'r salotto.
I' ripostiglio un c'era incastro
lo scopon si fusse rotto.

Ma la carza vella sì
un se 'nè addimentiata.
Mamma me la mise lì
sur camin bella svotata.

Po' mi disse d'andà a letto
'oprimmi ben con la trapunta.
Mentre 'r foo ner caminetto
pian pianin ecco che spunta.

L'emossion pigliava forte
era dura addormentassi.
Oggi è triste nostra sorte
un ci risce accontetassi.

Tira brutta vesta aria
tra le guère e tra macèlli.
Ci voleva anco la ' viaria
per que poveri du' polli!

Alla fine chiudo l'occhi
la stanchessa ormai è arivata.
Ner paese de balocchi
la mi testa è rifugiata...

"Tra le stelle 'n mezzo ar cielo
lontan aocchio 'na 'osa strana.
Un ci 'redo è propio vero
sta arivando la Befana!
Ma cos'è ? S'è ammodernita?
Un ha più ver ber ciuino
che areggeva 'on le dita
e montana sur sellino.

Si, la vedo, s'avvicina
guasi è drento la città.
Doni e chicci ha la vecchina
pe' le genti d'ogni età.

No, un ci ' redo!
c'ha cantucci cor vin santo.
Ed ar pòsto der miccetto
è sopra a 'n...cavallo bianco!

Un destriero purosangue
tipo vello for San Pietro.
Cor ir crine frondeggiante
'na bella 'oda sur " di dietro " .

Gira a destra, gira a manca
'on la scopa sotto ar braccio.
Pare fiera, neanco stanca
e ir corsiero tiene a 'n laccio .

Da quaggiù tutti en stupiti
un po' esse ... è le davero!
Sgranin l'occhi sbalorditi,
s'è mai vista...s'un puledro ?! "

N'en passati assai d'anni
s'un cavallo un l'ho più aocchita.
Ma armen lasciaticeli i sogni
senza velli un c'è più vita.

Lo sappiam che la Befana
a cavallo un po' arivà
Di siguro è ritornata
e 'npensierin ce lo farà !
di Enzo Petri

 


Classe 4° della Scuola Primaria di S.Pietro a Vico

".... per la freschezza che con semplicità le loro composizioni sanno trasmettere"

 


Altre edizioni: 2019 - 2018 - 2017 - 2016 - 2015 - 2014 - 2012 - 2011 - 2010 - 2009 - 2008 - 2007 - 2006 - 2005